Siracusa seduce la Nasa

Incantevole l’inquadratura, impareggiabile il gioco cromatico dei riflessi sull’acqua uno scatto di Dario Giannobile, un ingegnere chimico con l’hobby dell’astrofotografia, che la Nasa ha annoverato tra i suoi “Apod”, ovvero tra quelle che utilizza come immagini astronomiche del giorno.

Media Inaf ha intervistato l’autore di questa bellissima fotografia, dove non manca nulla: c’è la Luna, c’è Venere, c’è Giove, c’è Antares… E sotto a quell’alba invernale c’è una spiaggia della Sicilia – Punta Asparano – poco a sud di Siracusa, con il suo mare e le sue struggenti formazioni rocciose.

Riportiamo l’intervista:

“Sicuro che la fotografia non sia il vero lavoro?

«La fotografia e l’astronomia sono una passione, e spero che rimangano tali perché non voglio creare aspettative e non voglio rovinare l’incanto. Quindi rimane un hobby!»

Quand’è stata scattata la fotografia scelta dalla Nasa?

«Attorno alle 5 e 20 del primo febbraio. Mi ricordavo di quell’arco, il bellissimo arco della spiaggia di Asparano, protagonista di molte fotografie diurne, scattate all’alba o al tramonto. Sono andato lì con l’intento di scendere in spiaggia, al livello del mare. Volevo inquadrare la Luna dentro all’arco, però per arrivare nel punto giusto era necessario scendere lungo un pendio piuttosto ripido, saltando da una roccia all’altra. Ma erano le 4 del mattino, quando sono arrivato: era buio e io ero da solo. Per questo motivo ho deciso di non rischiare, e di rimanere in cima alla scogliera. Non ha senso correre rischi inutili per una fotografia».

È stata una fortuna, visto il risultato… Perché quell’inquadratura?

«Guardando verso sud est, mi avevano colpito l’allineamento, certo, ma anche la Via Lattea estiva che si alza durante il periodo invernale e i riflessi dei pianeti e della Luna sul mare. Il rosso del riflesso della Luna calante è dovuto al fatto che Luna sta attraversando lo strato inferiore dell’atmosfera. Il riflesso di Venere, invece, è di colore blu».

Qualche dettaglio tecnico sullo scatto? 

«In realtà gli scatti sono stati tanti, ma ho selezionato solo quelli in cui la Luna era abbastanza alta da produrre il riflesso arancione senza però coprire il riflesso di Venere. Ho usato la mia Canon 6D, e per ridurre di un fattore 4 il rumore dovuto all’Iso 1600 ho dovuto mettere insieme 17 scatti, uniti (stacked) con il software Sequator, molto semplice ma efficace. Ho anche usato un filtro Clear Night da 150 mm x 150 mm, per bloccare parte dell’inquinamento luminoso dovuto alle lampade al sodio presenti nei dintorni».

Fonte:INAF

Crediti e Copyright: Dario Giannobile
Facebooktwitterlinkedin