L’ISOLAMENTO a cui siamo costretti ci crea problemi?? GLI ASTRONAUTI DELLA ISS POTREBBERO DARCI SUGGERIMENTI per viverlo senza stress

Essere costretti all’isolamento e alla “reclusione” casalinga per lunghi mesi, come sta accadendo a tutti noi a causa della pandemia di quest’ultimo anno, sta creando non pochi problemi a livello psicologico a un numero sempre maggiore di soggetti. Tuttavia, potremmo seguire alcuni consigli su come affrontare questo particolare momento di vita potenzialmente molto stressante, da persone che scelgono davvero di vivere in tali contesti, come gli astronauti.

Infatti, nonostante l’immagine glorificata di essere un astronauta, l’isolamento e il confinamento rimangono una sfida per i “marinai stellari” che vivono sopra di noi. E’ ormai noto che la componente psicologica di coloro che rimangono molti mesi a bordo della ISS è individuata come un “rischio rosso” per i voli spaziali umani di lunga durata, con un’elevata probabilità di gravità del loro impatto non solo sulle prestazioni in missione, ma sulla salute umana in generale e sulla qualità della vita a lungo termine”. E’ quindi fondamentale educare gli astronauti a imparare a conoscersi al meglio nella propria interiorità per poter superare al difficoltà di sentirsi soli e “abbandonati” dal loro “pianeta di origine” senza che subentri lo sconforto, ma che rimanga sempre attiva e accesa la voglia di vivere e di sfidarsi per ottenere sempre il successo anche verso se stessi.

Fonte: Luigi Bignami

Facebooktwitterlinkedin