Partita Hope: la prima sonda emiratina che raggiungerà Marte

La prima delle tre sonde verso Marte è partita: dopo numerosi rinvii dovuti al maltempo persistente sul Giappone meridionale, dove era situata la base di lancio, la missione marziana Hope,  la prima degli Emirati Arabi Uniti verso il pianeta rosso – il cui compito sarà quello di studiare l’atmosfera marziana – è stata lanciata regolarmente il 19 luglio 2020, alle 23:58 italiane.

Il lanciatore giapponese H-II A, costruito dalle Mitsubishi Heavy Industries, ha inserito Hope nella traiettoria prevista, che la porterà a raggiungere Marte, che dista 423 milioni di chilometri, entrando in orbita marziana in circa sette mesi.

E’ stata una grande emozione osservare la stazione di controllo degli Emirati…infatti per la federazione di emirati si è trattato di un momento storico: in soli sei anni questo stato della penisola arabica ha creato dal nulla una sua agenzia spaziale e ha posto in essere una rete di collaborazioni internazionali che l’hanno portata a progettare, costruire e lanciare un orbiter marziano. Per gli Emirati si tratta non solo di una pietra miliare tecnologica, ma anche di una missione dal grande significato ideale che vuole ispirare i giovani arabi alla riscoperta e al rinnovo del ruolo centrale nello sviluppo scientifico che il mondo islamico ebbe in secoli passati.

Fonte: Luigi Bignami e Astronautinews