LA CINA VERSO LA LUNA

Lancio perfetto del “Lunga Marcia 5” dal Wenchang Space Launch Center nell’isola di Hainan, per portare la sonda Chang’e-5 alla Luna.

Il lander atterrerà nella regione Mons Rumker dell’ Oceanus Procellarum, o Oceano delle Tempeste, regione nell’emisfero settentrionale del lato vicino della Luna ed opererà per 1 giorno lunare, pari a 14 giorni terrestri.

Il lander è equipaggiato per collezionare campioni di regolite, che verranno recuperati fino ad una profondità di 2 metri, per trasferirli poi nel modulo di ascesa, grazie ad un braccio robotico, un trapano di carotaggio ed una fotocamera di campionamento. Chang’e-5 possiede anche una telecamera panoramica (PCAM, Panoramic Camera), un radar a penetrazione (LRPR, Lunar Regolith Pentetrating Radar) e uno spettrometro (LMS, Lunar Mineralogical Spectrometer).Il veicolo spaziale completo ha una massa totale di circa 8200 kg. L’energia elettrica è fornita da pannelli solari.
Progettato per decollare dalla superficie lunare, questo modulo -una volta raccolto il materiale- raggiungerà l’orbita lunare, si aggancerà all’orbiter e trasferirà il carico al modulo di rientro, il quale farà ritorno sulla Terra attraversando l’atmosfera a circa 40.000 chilometri all’ora.

La capsula atterrerà intorno al 15 dicembre nella regione cinese della Siziwang Banner, Mongolia interna, dove le squadre recupereranno i campioni lunari e trasporteranno il materiale in un laboratorio per l’analisi.

Fonte: Luigi Bignami/News Spazio

Facebooktwitterlinkedin