Il primo segnale radio veloce catturato nella Via Lattea da uno scienziato italiano

 Il primo lampo radio veloce (Fast radio burst, Frb), enigmatico segnale radio di brevissima durata, intercettato nella Via Lattea è il più potente segnale radio mai osservato nella nostra galassia e proviene da una magnetar – una stella di neutroni con un campo magnetico molto intenso. La scoperta avvenuta all Università canadese McGill Space Institute di Montreal, in Canada, è stata ad opera dall’italiano Daniele Michilli e del suo gruppo di ricercatori canadesi e americani .

“L’importanza della scoperta deriva dal fatto che dopo anni di ricerca abbiamo identificato l’origine di almeno una parte dei lampi radio veloci”- afferma lo stesso Michilli. “È il primo segnale radio con le caratteristiche di un Frb che osserviamo nella Via Lattea. Quindi – precisa l’esperto – è anche il più potente lampo radio mai osservato nella nostra galassia”.

“Gli Frb sono lampi di onde radio di pochi millesimi di secondo che generalmente arrivano da galassie lontane miliardi di anni luce. Per vederli da così lontano quindi – chiarisce Daniele Michilli – devono essere estremamente potenti, ma a causa della distanza, finora non eravamo mai stati in grado di capire che cosa desse origine a questi lampi”.

Gli astrofisici ritengono che nell’universo siano emessi in media 5.000 lampi radio veloci al giorno. La loro origine è, però, ancora controversa. Per spiegarne l’emissione, in passato sono state persino chiamate in causa civiltà aliene. Esistono decine di modelli teorici che ne descrivono la formazione e tutti fanno riferimento a contesti astrofisici estremi e sorgenti ad alta energia. Proprio come le magnetar.

“Per questo, è importante – conclude Michilli – avere captato per la prima volta un Frb nella nostra galassia e avere visto che è stato generato da una magnetar. Questo significa che almeno alcuni Frb possono essere prodotti da questo tipo di sorgenti: una conferma delle nostre teorie”.

Fonte: Ansa.it/ Corriere della Sera

Facebooktwitterlinkedin