LA PANDEMIA DEL COVID 19 RIMARRA’ INCISA NEI GHIACCIAI

La pandemia del coronavirus sarà ricordata per decenni attraverso libri di storia, narrazioni orali e tantissime altre tipologie di testimonianze. Anche i ghiacciai dell’Himalaya, delle Alpi, della Patagonia e di altre regioni potranno testimoniare la storia di questo periodo.  Infatti i cambiamenti atmosferici causati dal lockdown mondiale imposto per fronteggiare il dilagarsi del COVID-19 sono stati naturalmente registrati nel ghiaccio dei ghiacciai e potranno essere analizzati dai futuri scienziati. Questi segni sono dati da fattori che hanno in qualche modo trasformato la natura “migliorandola”, in un periodo in cui improvvisamente è sceso tantissimo l’inquinamento – grazie all’improvviso e drastico calo dei trasporti – e hanno inciso nell’atmosfera con delle caratteristiche uniche e diverse che sono state “catturate” e “congelate” appunto nelle calotte di ghiaccio.

Fonte: Luigi Bignami