Due satelliti hanno rischiato di scontrarsi

Recentemente secondo il servizio di tracciamento dei detriti spaziali LeoLabs, il satellite GGSE-4 (un vecchio satellite scientifico) ha rischiato di scontrarsi con IRAS (un telescopio spaziale dismesso, lanciato nel 1983).

Nel dettaglio lo scorso 30 gennaio i due “oggetti” si s,ono sfiorati passando a una distanza compresa tra 15 e i 30 metri l’uno dall’altro (anche se esiste un margine di errore di circa 15 metri), tutto questo a un’altitudine di circa 900 chilometri dalla Terra.

Nonostante il rischio di scontro , questa cosa non è successa ma poteva avvenire con enorme rischio perchè il passaggio stimato tra i 15 e i 30 metri è stato incredibilmente ravvicinato. Di solito si interviene per spostare due satelliti quando questi potrebbero avvicinarsi a 60 chilometri l’uno dall’altro.

A dirla tutta, i due veicoli spaziali non sono esattamente due… pesi leggeri e per la sicurezza di tutti LeoLabs continuerà a monitorare i due satelliti e la situazione del loro movimento nello spazio verrà continuamente aggiornata.

Un’altra situazione che gli specialisti tengono d’occhio è quella relativa a un satellite televisivo, DirecTV, che per il quale da qualche settimana c’è un timore che riguarda le batterie: potrebbero esplodere e quindi distruggere il satellite intero.

Il problema in questo caso è ancora più preoccupante perché a bordo vi sono ancora 73 kg di carburante, necessario per eseguire piccole variazioni di orbita, abbastanza comuni con satelliti di questo genere. La soluzione pensata è quella di allontanare questo satellite – che sarebbe dovuto rimanere attivo fino al 2025 – dalla sua orbita, che è molto trafficata, con la presenza di molti altri satelliti simili.T

In sintesi quindi, il problema dei satelliti “andati in pensione” sta diventando sempre più serio.

Fonte: Focus