Coronavirus: intervista a Luca Parmitano: “Non bisogna farsi prendere dal panico”

Dopo alcune settimane dalla conclusione della missione Beyond, nei giorni scorsi Luca Parmitano ha risposto alle domande della stampa italiana sulla sua esperienza nello spazio, grazie ad una diretta da Houston, organizzata dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (Esa), durante la quale l’astronauta ha raccontato i mesi trascorsi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (Iss), di cui è stato anche il primo comandante italiano.

Parlando con i giornalisti riuniti nella sede dell’Asi, il nostro astronauta ha spiegato che l’aspetto più impegnativo della missione Beyond è stata la sua attività di Leader della ISS. “Sono arrivato sulla stazione spaziale da veterano, ma unendomi a un equipaggio esperto di sistemi e condotta, ho dovuto cambiare approccio, in quanto c’erano aspettative diverse rispetto alle altre missioni a cui ho preso parte”. Soffermandosi sulla sua permanenza in orbita, l’astronauta ha spiegato che si tratta di una di quelle esperienze in cui la realtà supera ogni immaginazione. “La realtà supera i sogni Dopo aver vissuto la vita nello spazio di persona, posso dire che è un’esperienza che va al di la dei sogni: non c’è cosa più bella di poter dire che la realtà è ancora più immersiva”.

Durante la conferenza stampa, Parmitano ha anche rilasciato delle considerazioni a riguardo dell’epidemia di coronavirus: “È importante non farsi prendere dal panico: in Italia c’è un sistema sanitario tra i più all’avanguardia al mondo. Abbiamo esperti che stanno lavorando per contenere l’espansione del virus e dobbiamo avere fiducia nelle loro capacità. Sulla Stazione Spaziale Internazionale abbiamo condotto esperimenti che riguardano i virus, ma il Covid-10 è troppo recente per creare un esperimento da effettuare sull’Iss”.

Fonte : SkyTg24