BRILLAMENTO RECORD DA 80 MILIARDI DI MEGATONI: Ministella- megaflare

A 250 anni luce di distanza dalla Terra, su una piccola e fredda stella grande quanto Giove, è stato osservato un brillamento stellare dieci volte più potente di qualsiasi cosa sia mai stata vista sul Sole.

Infatti, su una stellina grande quanto il nostro Giove, è esploso un “flare” dieci volte più potente di qualsiasi cosa si sia mai vista sul nostro Sole. Addirittura questo piccolo oggetto celeste – che non dovrebbe nemmeno essere considerato una stella per via delle sue piccole dimensioni – e’ invece è stata in grado di sprigionare un brillamento spettacolare.

La stella in questione, denominata Ulas J224940.13-011236.9 e classificata come “nana L”, si trova, come già detto a 250 anni luce di distanza da noi e ha un raggio che è solo un decimo del raggio del Sole: praticamente ha la stessa dimensione di Giove. È sempre stata troppo debole per essere osservata dalla maggior parte dei telescopi, fino a quando i ricercatori, mentre stavano conducendo una survey ottica delle stelle circostanti, hanno avvistato la grande esplosione stellare nella sua cromosfera.

I ricercatori hanno tenuto traccia della luminosità della stella per 146 notti. Il flare è stato osservato nella notte del 13 agosto 2017 e ha emesso un’energia equivalente a 80 miliardi di megatoni, ossia dieci volte dell’evento energeticamente più potente osservato sul nostro Sole. I brillamenti solari si verificano regolarmente sul Sole, ma se il Sole dovesse sperimentare un flare come quello avvenuto su questa stella, i sistemi di comunicazione e quelli energetici della Terra potrebbero essere seriamente compromessi.

In sintesi quello osservato è stato uno dei più intensi flare mai visti su una stella nana L, facendo apparire la stella 10mila volte più luminosa del normale.

Fonte: INAF